COLORI STYLE

Il BIANCO IN INVERNO: DA ZARINA A REGINA DELLE NEVI

Ci hanno fatto credere che il bianco sia una tendenza prettamente estiva. Che indossarlo in inverno ci farebbe sentire fuori luogo. E ci hanno indottrinato con il fatto che è solo per le magrissime, perché non adatto a chi ha un fisico morbido.

Fortunatamente non è del tutto vero. Il bianco illumina il viso, è elegante. E per chi pensa di avere qualche chilo di troppo, ci sono alcuni trucchi.

Prima di tutto i materiali: caldi e morbidi. I bianchi estivi spesso risultano troppo trasparenti, e lasciano intravvedere piccoli difettucci che invece vorremmo nascondere.  Ma il bianco in inverno, con i tessuti giusti e con linee che seguono la figura senza segnare, è una carta vincente e dall’allure assolutamente elegante.

Se sono pantaloni, dovranno enfatizzare i nostri punti di forza e nascondere i difetti: giochiamo con tasche e pences. Modello e lunghezza giusta slanceranno la nostra figura. Se è un vestito, sarà un modello leggermente scampanato, che non metta in risalto il fianco o la pancetta.

Se poi giochiamo abbinando il bianco ai colori pastello, ai colori neutri o a quelli della terra, aiutando le linee verticali, l’eleganza sarà assicurata e il bianco diventerà un alleato per cambiare le nostre proporzioni.

Questo abito morbido in lana merinos in color avorio e color fango, il modello Zarina, enfatizza il decolté e scivola discreto sui fianchi. Qui è abbinato alla stola Cassandra in lana merinos che con i suoi bordi crea verticalità alla figura, donandole slancio.

STOLA CASSANDRA - ABITO ZARINA I © Monica Puppo

STOLA CASSANDRA – ABITO ZARINA I © Monica Puppo

STOLA CASSANDRA - ABITO ZARINA I © Monica Puppo

STOLA CASSANDRA – ABITO ZARINA I © Monica Puppo

 

Ricapitolando: il bianco si adatta a tutte le stagioni e in inverno, nei tessuti adatti, è sontuoso. Del resto la Regina delle Nevi, con la sua slitta argentata e trainata da due cavalli bianchi, come nella fiaba in 7 atti di Hans Christian Andersen, è una fonte di ispirazione perfetta.

O le Zarine di Russia: ognuna aveva i suoi gusti, ma un colore le accomunava tutte: il bianco neve.

Uno degli abiti più famosi e sfarzosi esposto al Museo Ermitage è quello dell’imperatrice Elisaveta Alekseevna, bianco e decorato con perle.

STOLA CASSANDRA - ABITO ZARINA I © Monica Puppo

STOLA CASSANDRA – ABITO ZARINA I © Monica Puppo

STOLA CASSANDRA - ABITO ZARINA I © Monica Puppo

STOLA CASSANDRA – ABITO ZARINA I © Monica Puppo

Le imperatrici russe spesso lavoravano con i sarti di corte suggerendo spunti o immaginando veri e propri modelli. Nel 1781 Caterina II scrisse alla sartoria di corte una lettera alla quale venivano allegati la descrizione e il disegno di un abito per il suo nipote Alessandro. Secondo voi su che tonalità voleva venisse confezionato?

 

Stola MOD. CASSANDRA in lana merinos color avorio con bordi color fango.
Da molto slancio alla figura perché  i bordi creano una verticalità.
Abito bicolore MOD. ZARINA. lana merinos realizzabile in colori a scelta.

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply